Prysmian: continua la desertificazione PDF Stampa E-mail
NEWS - News

 

«Non vi sognate di arginare la chiusura e la fuga da Ascoli delle grandi aziende!»

Ci tornano alla memoria queste parole e lo fanno assumendo l'aspetto di un tetro anatema dal quale sembra non ci sia via di scampo. Così Giampietro Castano[1] commentava la morte della Manuli. Da allora, la zona industriale della provincia di Ascoli Piceno, un tempo fiorente, ha vissuto una interminabile emorragia di posti di lavoro, competenze professionali e reddito. Il tutto, secondo un copione facilmente intuibile. L'ultimo caso è quello della Prysmian, azienda eccellente nella produzione di cavi elettrici per i più svariati usi, dalle piattaforme per le estrazioni petrolifere sottomarine alla costruzione di centrali nucleari.

 

L'associazione Piceno Tecnologie, da sempre impegnata nel rimarcare l'importanza che le politiche industriali di ampio respiro possono avere per la nostra comunità, oltre ad esprimere la dovuta solidarietà a tutte quelle persone che hanno perso il proprio posto di lavoro, chiede a gran voce che la politica torni a interessarsi della nostra zona industriale. E chiediamo che lo si faccia ripartendo dall'unico punto di partenza possibile: la Realtà. Troppe volte abbiamo sentito discorsi fatui su modelli inesistenti[2], in una sorta di dissonanza cognitiva che ci sta conducendo a passo svelto in un vero e proprio baratro. Auspichiamo che la politica locale e la società civile possano farsi carico delle reali istanze del territorio facendole risuonare a livello nazionale.

 

Da parte nostra, continueremo senza sosta il nostro sforzo di promozione sociale e culturale a favore di cittadinanza e amministratori, pronti a collaborare con chiunque voglia mettersi al servizio del nostro territorio, insieme.

 

[1] Responsabile dell’Unità per la gestione delle vertenze delle imprese in crisi del MSE (Vedi anche: Manuli. Cronaca di una morte annunciata.)

[2] Vedi anche: "Il modello che non c'è"

 

 

 
Joomla School Templates by Joomlashack