Festival Internazionale della Liuteria. Costruiamo la musica come non l'avete mai sentita. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 10 Giugno 2011 20:30

 

L'idea di dare nuova vita alle intuizioni di Gioacchino Pasqualini prende forma, muove i suoi primi passi sul territorio (STRADIVARI E LA CURVATURA DELL'UNIVERSO). Piceno Tecnologie è orgogliosa ed onorata al tempo stesso di aver dato il proprio contributo affinchè si riuscisse a realizzare, per ora, una Anteprima de Il Festival Internazionale della Liuteria (clicca qui per la pagina web del festival).

Siamo certamente ancora in una fase di sviluppo, in una fase di primi passi, per certi versi embrionale, ma che crediamo riesca comunque a far intravedere le potenzialità del progetto, dispiegato in tutte le sue articolazioni. Lo sviluppo dipende da quanto ciascuno di noi saprà dare con generosità e dalla capacità di tutti gli attori coinvolti di sperare, sognare, lottare per questa idea.

Ultimo aggiornamento Venerdì 06 Gennaio 2012 19:08
Leggi tutto...
 
Manuli. Cronaca di una morte annunciata. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 27 Maggio 2011 23:07

Abbiamo scritto una lettera a Gaetano Amici, il direttore del quotidiano digitale Picusonline. La lettera, che è stata pubblicata sul sito web della testata online (qui il link: Picusonline: caso Manuli) affronta la difficile situazione sociale ed economica del territorio Piceno, a partire dalla vicenda dello stabilimento ascolano della Manuli Rubber.

Oggi abbiamo consegnato questa lettera direttamente nelle mani del Governatore delle Marche, Gian Mario Spacca. Ci sarebbe piaciuto avere quantomeno un veloce scambio di battute a riguardo. Invece dopo una rapida occhiata ai fogli, Spacca ha voltato le spalle e se n'è andato. Non ci ha neppure salutato.

Per ora pubblichiamo questa lettera sul nostro sito. Presto scriveremo anche a Spacca. Almeno per dire la nostra sul suo programma di Sviluppo per la regione e per il Piceno.

 

 

Manuli. Cronaca di una morte annunciata.

 

Egregio direttore,

il gruppo Manuli Rubber ha dunque deciso di procedere nella

Ultimo aggiornamento Sabato 22 Settembre 2012 15:04
Leggi tutto...
 
Piceno Tecnologie, tra scienza e cultura. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Domenica 06 Marzo 2011 23:06

 

 

Durante gli eventi da noi organizzati o semplicemente presentandoci come associazione accade spesso che ci chiedano: ”…ma perché Piceno Tecnologie?”. Ce lo ha chiesto anche Paolo Barnard durante l’ultima conferenza da noi organizzata (conferenza). Solitamente quindi si legge in modo chiaro nello sguardo del nostro interlocutore curiosità mista ad una sorta di momentanea interdizione. Come se quella parola “tecnologie” messa lì stonasse un po’ con il carattere culturale dell’ultima conferenza, piuttosto che con la presentazione di un progetto sulla liuteria o con uno studio della situazione economico-sociale di un territorio. Insomma in un mondo sempre più specializzato, caratterizzato da un sapere frammentato, sembrerebbe quasi una immodesta invasione di campo. O quantomeno una mescolanza che ricondurrebbe a idee poco chiare sui corretti comparti della conoscenza e i giusti percorsi della cultura moderna. Nostalgie rinascimentali o pindarici tentativi di cercare legami tra diverse aree dello scibile, apparentemente liberate e allontanate in modo centrifugo da forze illuministe?

Niente di tutto ciò.

Pur riconoscendo nel Rinascimento italiano uno dei periodi di maggior progresso scientifico ed umano dell’intera storia umana, siamo consapevoli dell’importanza fondamentale che la specializzazione del sapere ha avuto nell’avanzamento tecnologico e sociale degli ultimi secoli.

Ultimo aggiornamento Sabato 22 Settembre 2012 15:06
Leggi tutto...
 
STRADIVARI E LA CURVATURA DELL'UNIVERSO. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 30 Aprile 2011 18:48

 

Un progetto per un Festival Internazionale di Liuteria.

 

Chi ha avuto la fortuna di assistere anche solamente ad alcune delle fasi di costruzione di un violino o di uno strumento di liuteria in genere, conosce lo stupore. La meraviglia che si cela dietro ad ogni studiato movimento, dietro ogni operazione svolta con minuziosità e passione, con accuratezza ed esperienza. Eseguita mirabilmente da chi sa ascoltare il suono del legno e conosce la perfezione delle curve, il rigore delle linee e la delicatezza di alcuni gesti. Si rimane incantati, ad ammirare mani sapienti affaccendate in un’arte che trascende la sola tecnica. Si capisce che c’è molto di più del saper fare dentro il mestiere antico di donare un’anima a uno strumento. Ma non si capisce come tanta apparente artigiana approssimazione, comparata ai moderni strumenti tecnologici, conduca a una tale armonia di forme e perfezione di suono. Non lo si capisce perlomeno con le attuali conoscenze tecnico-scientifiche a nostra disposizione oggi. Cosicché ancora oggi, nella bottega di un maestro liutaio, l’Arte si fonde con il mistero. Nella costruzione di uno strumento di liuteria concorrono tante e tali variabili (tecnico-costruttive, geometriche, scelta dei materiali, colle, vernici,…) che risulta impossibile qualunque modellizzazione matematica. Una complessità enorme che non si riesce a spiegare. Eppure dove non arriva la strabiliante capacità di un calcolatore, poterono fantasia e genio umano, assistiti dall’esperienza tramandata attraverso generazioni di maestri liutai. Insomma pura creatività umana. Cognizione superiore di tutti gli elementi, fusi assieme in maniera sublime.

Probabilmente neppure il violinista e studioso di acustica ascolano Gioacchino Pasqualini (1902-1985) comprese a fondo questo mistero, dall’altezza

Ultimo aggiornamento Sabato 22 Settembre 2012 15:05
Leggi tutto...
 
Il professor Ragazzi risponde. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 01 Marzo 2011 22:16

 

Qualche settimana addietro avevamo inviato il nostro articolo sul fotovoltaico (clicca qui) al professor Giorgio Ragazzi[1], il quale aveva ispirato un nostro intervento sull’argomento. A distanza di pochi giorni Giorgio Ragazzi ci ha risposto e pubblichiamo qui di seguito la sue breve, ma eloquente risposta (il grassetto è nostro).


“Egr. dott. Pomozzi, la ringrazio per avermi inviato il suo bel pezzo. Forse ha visto anche il recente articolo di Mucchetti (articolo qui) sul Corriere e la pietosa risposta della Prestigiacomo (articolo qui). Purtroppo abbiamo una classe dirigente superficiale, corrotta e soprattutto ignorante che addossa al paese errori madornali di politica industriale, che alla fine pesano sempre sui più poveri. Nel caso delle energie rinnovabili disturba soprattutto che questi oneri siano “nascosti” e non percepibili al grande pubblico. Per il fotovoltaico poi l’assurdo è che, con l’indigestione fatta nel 2010 e continuata nel 2011 l’onere salirà così tanto da provocare una reazione che presumibilmente affosserà nuovi investimenti che risultassero tecnologicamente più convenienti in anni futuri…povero paese!


Cordiali saluti, Giorgio Ragazzi"

 




[1] Professore associato di Scienza delle Finanze all’Università di Bergamo. In passato, ha lavorato come Economista al Fondo Monetario Internazionale (1967-72) ed è stato Direttore Esecutivo della Banca Mondiale (1980-84). Ha lavorato come dirigente (settore finanza) della Montedison (1973-78) e, dal 1985 svolge anche attività di consulenza per operazioni di M&A e finanza straordinaria.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 01 Marzo 2011 23:12
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 Succ. > Fine >>

Pagina 5 di 6
Joomla School Templates by Joomlashack